Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine.

Seleziona "approvo" per proseguire nella navigazione. Per approfondimenti: https://www.garanteprivacy.it/cookie

  • 00_SLIDESHOW.jpg
  • 01_SLIDESHOW.jpg
  • 02_SLIDESHOW.jpg
  • 03_SLIDESHOW.jpg
  • 04_SLIDESHOW.jpg
  • 05_SLIDESHOW.jpg
  • 06_SLIDESHOW.jpg

Gita in montagnaLe attività. Perno centrale della pratica di una gestione democratica della vita comunitaria, la programmazione delle attività avviene in gruppo.
Al gruppo partecipano gli operatori in turno e gli ospiti della comunità e vengono programmate le attività di routine quotidiane, come la cura degli ambienti, la turnazione della lavanderia, la gestione dei pasti, mansioni svolte in gruppo o singolarmente, affiancati dagli operatori, in un'ottica di promozione dello sviluppo delle autonomie personali e di sviluppo della capacità di collaborazione e negoziazione. 

Durante questo gruppo si programmano esigenze più personali dei ragazzi, le attività legate ai loro P.T.I come la gli appuntamenti con la psicoterapeuta, la frequenza scolastica e lo studio pomeridiano, la frequenza di tirocini di inclusione socio-lavorativa e formativi, la partecipazione a gruppi e a laboratori organizzati dalla comunità o ad attività esterne, come attività di volontariato, attività sportive o ricreative. 
Equitazione presso I ragazzi sono stimolati all'espressione dei loro desideri, e accompagnati nella negoziazione per la programmazione di attività come le uscite di gruppo, gli acquisti personali, la frequentazione di piscine o giornate al mare, le escursioni nella natura, le gite per il fine settimana, le feste o le sagre paesane.
Tutte le proposte vengono annotate in un verbale affinché, settimanalmente, possano essere inserite nel documento chiamato “Programmazione” a disposizione di tutto il gruppo comunitario, che funge da guida delle attività quotidiane.